Il Messico concede visti temporanei alle figlie della salvadoregna uccisa dalla polizia a Tulum


Economia /

Giovedì, l'Istituto Nazionale delle Migrazioni del Messico (INM) ha concesso visti temporanei per motivi umanitari alle figlie di Victoria Salazar, la salvadoregna assassinata lo scorso fine settimana dalla polizia nella città di Tulum, nello stato di Quintana Roo.

Le autorità messicane affrontano la gestione della crisi

Il permesso rilasciato dall'INM permetterà ai minori di continuare il loro processo di richiesta dello status di rifugiato. I visti sono stati concessi ore dopo che la nonna e lo zio dei bambini hanno incontrato le autorità messicane a Tulum. Il segretario messicano degli interni, Olga Sanchez Cordero, ha partecipato alla conversazione per telefono.

Victoria Esperanza, 36 anni, aveva un visto umanitario dal 2018. Lo scorso fine settimana, è stata trattenuta da quattro agenti di polizia per presunto disturbo della quiete pubblica. Un atto che ha messo fine alla sua vita, dopo che la polizia le ha rotto due vertebre quando l'ha trattenuta.

Gli agenti sospettati della morte di Victoria sono stati filmati e le autorità li hanno arrestati e accusati di femminicidio. Ci sono tre uomini e una donna.

Due ragazze uccise sul suolo messicano

La vittima aveva due figlie: la più grande, di 16 anni, è scomparsa per alcune ore tra martedì e mercoledì. La sua figlia minore si trova in un rifugio pubblico, in quanto è stata presumibilmente abusata dal compagno di sua madre.

Il presidente di El Salvador Nayib Bukele ha annunciato pubblicamente alla procura di Quintana Roo che l'ex partner romantico della messicana Victoria Esperanza è stato arrestato martedì scorso mentre abusava sessualmente delle sue figlie.

Secondo il capo di stato salvadoregno, la madre ha lasciato la figlia più piccola in un rifugio gestito dal Sistema Nazionale per lo Sviluppo Integrale delle Famiglie (DIF) prima di morire.

Varie organizzazioni come IOM, UNHCR, OHCHR e UN Women chiedono un'indagine immediata e approfondita su questo sfortunato evento. Il presidente messicano Andres Manuel López Obrador ha detto che la morte di Victoria lo riempie di vergogna, dolore e pena.